Signor Strijbis, che cos’è un mercato di previsione?

I mer­ca­ti di pre­vi­sio­ne stan­no div­en­tan­do semp­re più popola­ri come meto­do di pre­vi­sio­ne elet­to­ra­le. Ma cos’è esat­ta­men­te un mer­ca­to di pre­vi­sio­ne e quan­to sono affida­bi­li i mer­ca­ti di pre­vi­sio­ne? Oli­ver Stri­j­bis ges­tis­ce diver­si mer­ca­ti di pre­vi­sio­ne. Ci spie­ga i vant­ag­gi e gli svant­ag­gi di ques­to metodo.

Voi orga­niz­za­te mer­ca­ti di pre­vi­sio­ne in vis­ta del­le ele­zio­ni. Cosa significa?

Oli­ver Stri­j­bis: Una bor­sa elet­to­ra­le fun­zio­na come una bor­sa finan­zia­ria, con la dif­fe­ren­za che non ven­go­no scam­bia­te azio­ni di socie­tà, ma quo­te di even­ti futu­ri. Nel nos­tro esem­pio, un even­to pot­reb­be esse­re l’e­le­zio­ne di Dani­el Jositsch (PS) e Regi­ne Sau­ter ( PLR) al Con­siglio degli Sta­ti. Se ques­to even­to si veri­fi­ca, ogni azio­ne rice­ve il prez­zo di chi­usura di 100 fran­chi. Se l’e­ven­to non si veri­fi­ca, il valo­re fina­le è pari a zero fran­chi. I par­te­ci­pan­ti sono quin­di incen­ti­va­ti a nego­zia­re le azio­ni in base alle loro aspet­ta­ti­ve sul­la pro­ba­bi­li­tà di acca­di­men­to. Ad esem­pio, se il prez­zo attua­le è di 50 fran­chi, ma riten­go che la pro­ba­bi­li­tà di ques­to even­to sia supe­rio­re al 50%, dov­rei acquis­ta­re l’a­zio­ne. Non è alt­ro che una scom­messa, ed è per ques­to che i mer­ca­ti di pre­vi­sio­ne sono chia­ma­ti anche mer­ca­ti di scommesse.

Chi par­te­ci­pa al mer­ca­to dei pronostici?

Attu­alm­en­te, 300 per­so­ne sono regis­tra­te sul mer­ca­to del­le pre­vi­sio­ni. Di ques­te, olt­re 180 han­no già acqui­s­ta­to o ven­du­to azio­ni. La mag­gi­or par­te dei par­te­ci­pan­ti sono ex o attua­li stu­den­ti di sci­en­ze poli­ti­che, mol­ti dei qua­li del­l’­Uni­ver­si­tà di Zuri­go, ma alcu­ni anche di alt­re uni­ver­si­tà sviz­ze­re. Coin­vol­gen­do mol­te per­so­ne con cono­s­cen­ze supe­rio­ri alla media, il mer­ca­to com­bi­na aspet­ti del­la cono­s­cen­za esper­ta con l’in­tel­li­gen­za del­lo sciame.

Ci sono effet­ti impre­ve­di­bi­li o for­ti influ­en­ze sui par­te­ci­pan­ti al mer­ca­to del­le pre­vi­sio­ni? Ad esem­pio, dopo la pub­bli­ca­zio­ne dei son­dag­gi elet­to­ra­li sul­le gran­di pia­t­ta­for­me mediatiche?

Nel­le ele­zio­ni, i son­dag­gi sono la fon­te di infor­ma­zio­ne più importan­te e di con­se­guen­za ques­te infor­ma­zio­ni con­fluis­co­no nel­le scom­mes­se dei par­te­ci­pan­ti al mer­ca­to dei prono­sti­ci. Le pre­vi­sio­ni per le ele­zio­ni del Con­siglio nazio­na­le, per le qua­li esis­to­no alcu­ni son­dag­gi, posso­no quin­di esse­re vis­te come una sor­ta di inter­pre­ta­zio­ne dei risul­ta­ti dei son­dag­gi. La situa­zio­ne è diver­sa per le ele­zio­ni del Con­siglio degli Sta­ti. In ques­to caso non solo i son­dag­gi sono pochi, ma sono anche meno signi­fi­ca­ti­vi per il risul­ta­to elet­to­ra­le. Ques­to per­ché in mol­ti can­to­ni ci sarà pro­ba­bilm­en­te un secon­do tur­no di vota­zio­ne per le ele­zio­ni del­lo “Stöck­li”. A quel pun­to sarà deter­mi­nan­te qua­li can­di­da­ti si riti­rer­an­no e su qua­li can­di­da­ti pro­met­ten­ti si con­cen­trer­an­no i voti. Sul mer­ca­to del­le pre­vi­sio­ni, i par­te­ci­pan­ti cerca­no di anti­ci­pa­re ques­te dinamiche.

Qua­li vant­ag­gi offro­no i mer­ca­ti di pre­vi­sio­ne ris­pet­to ai tra­di­zio­na­li son­dag­gi elet­to­ra­li e cosa li distingue?

I mer­ca­ti di pre­vi­sio­ne fan­no pre­vi­sio­ni, i son­dag­gi in sen­so stret­to no. Il vant­ag­gio più importan­te dei mer­ca­ti di pre­vi­sio­ne è che posso­no esse­re app­li­ca­ti a mol­ti temi per i qua­li non esis­to­no son­dag­gi (come nel caso del­le ele­zio­ni del Con­siglio degli Sta­ti in mol­ti can­to­ni) o per i qua­li i son­dag­gi non sono affat­to rile­van­ti. È il caso, ad esem­pio, del­la pre­vi­sio­ne dei con­flit­ti inter­na­zio­na­li, per i qua­li si app­li­ca­no anche i mer­ca­ti di pre­vi­sio­ne. La logi­ca dei mer­ca­ti di pre­vi­sio­ne è quin­di com­ple­ta­men­te diver­sa da quel­la dei son­dag­gi. Ment­re i son­dag­gi mira­no a crea­re un qua­dro rappre­sen­ta­tivo del­l’o­pi­nio­ne, i mer­ca­ti di pre­vi­sio­ne mira­no a fare pre­vi­sio­ni il più pos­si­bi­le accu­ra­te sul­la base del­le infor­ma­zio­ni esistenti.

Qua­li sono i limi­ti e le sfi­de dei mer­ca­ti di previsione?

La qua­li­tà del­le pre­vi­sio­ni dipen­de mol­to dal­la quan­ti­tà e dal­la rile­van­za del­le infor­ma­zio­ni dis­po­ni­bi­li. Inolt­re, è uti­le che i par­te­ci­pan­ti abbia­no un incen­tivo finan­zia­rio, in modo che pren­da­no sul serio lo scam­bio e cer­chi­no di opera­re al meglio. Ma se si for­nis­ce ai par­te­ci­pan­ti un incen­tivo — nel mio caso, tut­ti i par­te­ci­pan­ti rice­vo­no 20 fran­chi sviz­ze­ri di credi­to ini­zia­le — il mer­ca­to gene­ra cos­ti che devo­no esse­re coperti.

E cosa dice il vos­tro mer­ca­to del­le pre­vi­sio­ni in meri­to alle prossi­me ele­zio­ni in Svizzera?

Le pre­vi­sio­ni posso­no esse­re con­sul­ta­te su Wat­son, aggior­na­te quo­ti­di­a­na­men­te. Per il Con­siglio nazio­na­le, le pre­vi­sio­ni cor­ris­pon­do­no gros­so modo ai son­dag­gi: per­di­te per i Ver­di, leg­ge­ri gua­da­gni per l’UDC e l’AdC. Per le ele­zio­ni del Con­siglio degli Sta­ti, il mer­ca­to pre­ve­de attu­alm­en­te uno spos­ta­men­to di 2 seg­gi dal PS/Verdi ai par­ti­ti borg­he­si. Tut­ta­via, è mol­to incer­to qua­le dei par­ti­ti borg­he­si pot­reb­be beneficiarne.


Oli­ver Strijbis

Oli­ver Stri­j­bis ha stu­dia­to sci­en­ze poli­ti­che pres­so le Uni­ver­si­tà di Ams­ter­dam, Bolo­gna e Zuri­go e ha con­se­gui­to il dot­to­ra­to all’­Uni­ver­si­tà di San Gal­lo. Oggi è pro­fes­so­re asso­cia­to alla Fran­k­lin Uni­ver­si­ty Switz­er­land di Luga­no. I suoi inter­es­si di ricer­ca riguar­da­no il com­por­ta­men­to poli­ti­co, il nazio­na­lis­mo e la migra­zio­ne. Si occupa anche di mer­ca­ti di previsione.

sito web

Imma­gi­ne: unsplash.com

image_pdfimage_print